Archivio

Posts Tagged ‘Radicali’

“L’ultimo gesto d’Amore” di Mina Welby a Caserta

Caserta – Mercoledì 13 ottobre alle ore 18.00 presso la Feltrinelli di Caserta Corso Trieste 154/156 sarà presentato il volume “L’ultimo gesto d’Amore” con la presenza di Mina Welby e Pino Giannini che ne sono gli autori. Moderatore Domenico Letizia, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni di Caserta. L’evento organizzato dall’ Associazione Luca Coscioni di Caserta e dall’Associazione Radicale “Legalità e Trasparenza” va oltre la semplice presentazione di un volume, ma vuole e deve condurre ad un dibattito e ad una riflessione che riguarda il fin di vita alla luce delle storie di Welby e Englaro anche nella città di Caserta e non solo.
Mina Welby è una donna che per amore ha dovuto riconoscere al suo uomo il diritto di una morte opportuna. In questa lunga intervista vengono ricostruite le circostanze di un caso le cui problematiche giuridiche e sociali ancora attendono di essere adeguatamente affrontate. Un libro d’amore non convenzionale, che commuove per intensità, per trasporto: le vicende di due innamorati che cercano di battere la malattia scrivendo insieme giorno dopo giorno una irripetibile storia d’amore.

http://www.casertaweb.com/articoli/15985-l%E2%80%99ultimo-gesto-d%E2%80%99amore-di-mina-welby-.asp

Conversazione con Rita Bernardini, parlamentare radicale

Al minuto 42.25 trovate la mia domanda all’onorevole Bernardini sulla questione TSO e la morte di Mastrogiovanni:

http://www.radioradicale.it/scheda/310739/conversazione-con-rita-bernardini-parlamentare-radicale

Nasce l’Associazione Legalità e Trasparenza di Caserta

A Caserta è nata un Associazione di stampo radicale/libertario, Domenica 20 Giugno vi è stata la sua Assemblea Costituente: l’Associazione Legalità e Trasparenza.
La registrazione di Radio Radicale: http://www.radioradicale.it/scheda/306126/assemblea-costituente-dellassociazione-radicale-liberta-e-trasparenza

La notizia dell’evento riportata dal sito del Movimento Libertario: http://www.movimentolibertario.it/index.php?option=com_content&view=article&id=6268:il-movimento-libertario-a-caserta&catid=1:latest-news

Banchetto libertario della “Luca Coscioni” a Caserta

giugno 12, 2010 3 commenti

Sabato 12 giugno, in via Mazzini, a Caserta, dalle ore 16 alle 19, l’Associazione Luca Coscioni Caserta sarà presente con un banchetto/tavolo informativo sulla ricerca scientifica, sarà distribuita gratuitamente o con donazione facoltativa il mensile: “Agenda Coscioni”, mensile di informazione scientifica libertaria e antiproibizionista, al banchetto dei Cosconiani vi sarà il segretario della Coscioni Caserta: Domenico Letizia, che ricorda la nascita il 20 giugno dell’Associazione Radicale Legalità e Trasparenza al cui congresso l’Associazione Luca Coscioni Caserta sarà presente.
Letizia ricorda che durante il banchetto sarà distribuito il periodico: I Fogli di Enclave, rivista di informazione libertaria del Movimento Libertario. Al banchetto vi sarà anche Antonio D’Addiego il giovane libertario e Coscioniano del gruppo, Josef Ferraro e il tesoriere della Coscioni Caserta Gianroberto Zampella che si sta battendo nella provincia per l’istituzione dell’anagrafe degli eletti.

Samuel E. Konkin e il copyleft

maggio 21, 2010 6 commenti

Lo scorso intervento sul libertarismo scritto da Nicolini si è soffermato anche sulla questione dei diritti d’autore, qui vorrei incentrare la discussione soprattutto data l’importanza della tematica nelle società contemporanee e comunque il mondo dell’informazione in Internet, grazie a blog e siti resta un esempio, speriamo a lungo, di democrazia libertaria e libera.
Chi si è soffermato e battuto a lungo sulla tematica è stato Samuel E. Konkin fondatore del pensiero agorista, precursore della contro-economia e del libero scambio deceduto il 24 Febbraio 2004. Samuel E. Konkin è sempre stato un amante della fantascienza e delle tecnologie applicate a questo settore, famosa era la sua abitazione che date le frequentazioni prese il nome di Anarcho-Village
Dati i sui interessi Samuel E. Konkin ha trattato a lungo di copyright e copyleft, ritiene che la questione giri intorno alla particolare natura del publishing: ci sono grandi case o piccoli editori, e veramente pochi di dimensioni medie. Per le grandi compagnie i diritti di autore sono una percentuale modesta di edizioni multimilionarie: perdono molti più soldi per ritardi burocratici e per errori di stampa. I piccoli editori fanno solitamente parte della counter-economic e sopravvivono con materiale donato, lasciando che siano i nuovi scrittori a preoccuparsi del copyright e della rivendita.
La pubblicazione di un libro è solo una piccola parte dell’attività editoriale, raramente tutti vengono ristampati e il copyright non ha nulla a che fare con la prima stampa, economicamente parlando. I grandi autori rastrellano vendite, ma avanzano richieste continuamente crescenti per i loro contratti successivi. Se aboliamo il copyright, i grandi autori potrebbero morire di fame? No. Se faccio una copia di una scarpa o di un tavolo o di un ceppo per il camino (con la mia ascia copiata), forse il calzolaio o il falegname o il boscaiolo ricevono dei diritti d’autore?
Per Samuel E. Konkin in questo caso il concetto di proprietà privata è falsificato e non si rifà alle regole del libero scambio, in poche parole è fasullo. Come si è evoluto il copyright? Come tutti i privilegi (e sottolineo “privilegi”), è stato garantito dal re ( Stato).
Il copyright è il metodo con cui, dietro la copertura della protezione degli artisti, il grande editore porta restrizioni nel commercio, parliamo quindi di monopolio e censura.
L’analisi di Konkin va approfondita perché molto è il materiale sulla tematica ma tratta spunti interessantissimi e motivazioni ragionevoli per l’abolizione del copyright. Personalmente guardando alla libertà in internet e al copyleft ( che è la gestione dei diritti d’autore basato su un sistema di licenze attraverso le quali l’autore, in quanto detentore originario dei diritti sull’opera, indica ai fruitori dell’opera che essa può essere utilizzata, diffusa e spesso anche modificata liberamente, pur nel rispetto di alcune condizioni essenziali.) trovo molto interessante la nascita di un associazione che appartiene alla galassia del Movimento Radicale cioè Agorà Digitale, invito a guardare gli obiettivi e i metodi di questa associazione, sembrano davvero libertari e lodevoli.

Domenico Letizia

Mensile Libertario Cenerentola N. 124, Maggio 2010

Articolo con risposta di Nicolini, qui:( http://www.cenerentola.info/archivio/numero124/articoli_n.124/lib.html )

La Coscioni Caserta informa alla libertà

Sabato 22 Maggio a Caserta dalle ore 10.30 alle ore 19.00 in via Mazzini largo San Sebastiano l’Associazione Luca Coscioni Caserta sarà presente con un banchetto per sollecitare e informare alla cittadinanza l’importanza della ricerca scientifica e delle libertà civili. Il segretario Letizia Domenico, il presidente Marco Papale e il tesoriere Gianroberto Zampella saranno presenti invitando a destinare il 5 x Mille all’Associazione Luca Coscioni. Al banchetto dei Cosconiani sarà distribuito materiale informativo riguardo il testamento biologico che è possibile già consegnare, ricorda Letizia Domenico, al Comune di Caserta. Sarà distribuito anche il periodico “Mai dire Mai”, periodico informativo che si occupa di carceri e detenuti con un costante osservatorio sul carcere duro (41bis) e sulle condizioni delle galere e degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari presenti sulla penisola, sarà distribuita anche la Rivista “I fogli di Enclave” periodico di informazione libertaria. Al banchetto sarà possibile chiedere tutte le eventuali informazioni, curiosità e tesserarsi alla Coscioni Caserta.

(http://www.pupia.tv/caserta/notizie/0003723.html)

Intervento di Domenico Letizia alla Manifestazione Antirazzista a Caserta