Home > Notizie, Storia dell'Anarchismo Americano > La lezione Americana

La lezione Americana

Come rilevato da Carlo Lottieri, è impossibile una seria riflessione sul federalismo «se non ci si confronta con quanto è successo in America due secoli fa, quando – dopo la guerra per l’indipendenza dall’Inghilterra – le ex-colonie sono divenute il teatro del più ambizioso esperimento istituzionale in tal senso». In proposito, e per uno sguardo non convenzionale della vicenda america, è importante il volume di Luigi Marco Bassani, “Dalla Rivoluzione alla Guerra civile. Federalismo e Stato moderno in America, 1776-1865”, Rubbettino Ed., 2009, p. 324. Incentrato sulla dialettica “Stato moderno-federalismo”, esso ricostruisce un percorso politico-dottrinario dalla Rivoluzione alla guerra civile volto ad illustrare la difficile ricezione americana delle categorie europee sullo Stato e sul potere. Le lotte condotte dagli Antifederalisti, da T. Jefferson e da J. Calhoun nascevano dall’ opposizione alla “formula europea e moderna” quale soluzione al problema dell’ordine politico, contrapponendo all’idea della creazione di una sala di comando unica quella della natura pattizia e volontaria dell’unione americana.
Tale concezione, seppur non incontrastata, dominò il panorama delle idee politiche della giovane repubblica per molti decenni dopo la Rivoluzione, tanto che in quel periodo il sistema federale prosperò, rivelandosi anche un potente freno alla crescita degli apparati governamentali. Nel periodo in cui l’Europa passava dalla Rivoluzione francese all’età napoleonica e poi a quella dell’irrompere del mito della nazione sulla scena politica, l’America viveva l’età dell’oro della “libertà federale”. La presidenza Lincoln e la guerra civile aprirono invece le porte ad una profonda revisione istituzionale e politico-dottrinaria, che poi produsse la nascita di un vero e proprio “Stato americano”.

di Rossella Galati
rossella.galati@gmail.com

  1. luglio 30, 2010 alle 4:18 pm

    Ottimo articolo, il problema è che in Italia i leghisti morto Miglio son diventati da federalisti europei a “federalisti” americani (in senso statalista proponendo centralismo e protezionismo colbertista in economia) alla “Alexander Hamilton e George Washington” (fondatori del partito federalista americano) che non a caso si opponevano alle idee e politiche economiche e istituzionali confederative e di decentralizzazione del potere proposte da Thomas Jefferson.

    • Domenico Letizia
      luglio 31, 2010 alle 10:36 am

      giusto, giusto, giusto.

  2. agosto 1, 2010 alle 5:55 am

    Ho sempre avuto intenzione di scrivere un articolo su quanto ho già brevemente detto anche per spiegare questa cosa italica da un punto di vista di contenuti “di ponte” meta-americani (in particolare congiungendo tali riflessioni per confutare lo pseudofederalismo fiscale leghista italico), non è detto che nei prossimi mesi non lo faccia, ora non posso perchè sono impegnatissimo.
    Comunque penso che sarebbe argomento da proporre a Leo Facco per qualche video sul tema (il quale sicuramente conoscerà meglio di me tali tematiche tra le differenti etimologie e significati del termine “federalismo” in Europa e negli Usa sal punto di vista storico-politico e perchè no anche dal punto di vista dei diversi anarchismi) dato che tral’altro ciò si collega con una delle finalità sul piano comunicativo del ML (il contrasto al leghismo).
    Ovviamente prossimamente quando avremo disponibile l’enciclopedia una pagina sul federalismo (dove trattare anche nelle sottoschede la sua eteronomia di significato) tale argomento dovrà essere trattato sicuramente.
    Ciao da LucaF.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: