Home > Critica Anarcocapitalista > Contraddizione di Rothbard

Contraddizione di Rothbard

Le riflessioni tratte da Fabio Massimo Nicosia

  1. luglio 1, 2010 alle 9:42 pm

    vabbè che io fondai Cristianesimo anarchico… ma trovo più vicinanza tra un Cristo e il pensiero anarchico, che tra questo e il liberalismo, che poi sconfina nel liberismo e nel capitalismo… mali che ci riporteranno all’età della pietra grezza…
    Altra cosa è il libertarismo… ma è già implicito nell’anarchismo.

  2. Domenico Letizia
    luglio 2, 2010 alle 1:41 pm

    “Tante strade conducono alla dittatura della democrazia e nessuna di queste strade parte dal liberalismo”
    Rudolf Rocker ( l’anarcosindacalista più conosciuto americano)

  3. Ingmar
    luglio 6, 2010 alle 5:35 pm

    Interessante: Se ho ben capito con questa citazione vuoi stemperare il discorso di indian sui pericoli di un capitalismo che può rischiare di creare un’aristocrazia implicita tra chi possiede qualcosa (necessariamente se lo è meritato) e chi non possiede il quale deve piegarsi alle sue condizioni. La condizione del mercato che decide tutto e delle differenze di reddito come surrogato del voto e della credibilità. Sono indubbiamente d’accordo con la citazione, però e probabilmente indian ha frainteso qui il senso del liberalismo associandolo alla situazione da me riportata in cui ogni rapporto umano dovrebbe essere regolato dalle tensioni elettriche del mercato, condizione che genera vincitori e perdenti, indubbiamente non auspicabile, ma non è mica questo che la visione liberale auspica, ma il libero scambio, la riscoperta della naturale propensione degli uomini a collaborare spontaneamente tra loro in condizioni di pari dignità senza gerarchie. Queste pulsioni oggi sono certamente sopite dall’azione invasiva statale con il suo ghe pensi mi e il suo obbligo a delegare ad essa la solidarietà.

  4. Domenico Letizia
    luglio 6, 2010 alle 5:51 pm

    Ingmar questo è quello che si cerca di far capire a certa sinistra, quando Kevin carson dice che il capitalismo è all’opposto del libero mercato intende proprio ciò. Il mercato è vivo e naturale tra gli uomini, il capitalismo è solo frutto dello stato.
    Se ti va cerca nel blog un mio articolo pubblicato sul mensile cenerentola, intitolato: “L’idea liberale di mercato distororta dallo stato” mi fermo e puntualizzo proprio questo discorso.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: